Se non mettiamo la Libertà delle Cure mediche nella Costituzione, verrà il tempo in cui la medicina si organizzerà, piano piano e senza farsene accorgere, in una Dittatura nascosta. E il tentativo di limitare l'arte della medicina solo ad una classe di persone, e la negazione di uguali privilegi alle altre arti, rappresenterà la Bastiglia della scienza medica.
Benjamin Rush, firmatario della Dichiarazione d'Indipendenza USA, 17 Settembre 1787

martedì 19 aprile 2016

Crioablazione: la mia esperienza al San Jacopo di Pistoia

Il 21 luglio 2013 la grande struttura ospedaliera di Pistoia entrava in funzione, trasferendo così dopo settecento anni, le attività sanitarie dall’Ospedale del Ceppo al nuovo Ospedale San Jacopo (erede di una sanità pistoiese orientata alla ricerca, all'innovazione e alla qualità professionale).

L'antico Ospedale del Ceppo era situato in pieno centro, e pur se raggiungerlo era molto facile per i pistoiesi, non risultava più essere comodo per le prestazioni e i servizi che invece il San Jacopo può ora offrire ad una utenza che arriva anche dall'Europa. Il trasferimento dal vecchio al nuovo sito è dunque avvenuto per una scelta pratica e funzionale, che concerne la necessità di spazi più ampi e agevoli. Non tutti i pistoiesi ne sono stati contenti, ma... quando mai è capitato di essere felici e contenti tutti insieme appassionatamente? 

Per farvi un esempio (ma uno solo eh?!) posso parlarvi del soddisfacente posteggio sito davanti all'entrata del pronto soccorso per le ambulanze del 118 e per quelle da accompagnamento dette "della Misericordia" in quanto svolgono la funzione di riportare a casa quelle persone che non possono farlo con le proprie gambe o mezzi. Davvero niente male direi!


Robe che solo chi lavora con le ambulanze può capire bene. E a proposito di prestazioni, anche il reparto di radiologia interventistica esigeva un spazio a sé.

Ok. Ho voluto fare questa breve (piuttosto stringata) premessa perché quando sono andata a leggere le recensioni degli utenti (prima di partire per Pistoia), devo dire che un tantino mi ero avvilita e quasi stavo pensando di rinunciare, ma poi mi sono detta che dovevo fare come al solito: vedere con i miei occhi e fidarmi delle mie sensazioni, non solo "af-fidarmi" alle recensioni che lamentavano disservizi, incompetenze professionali, o personale sgarbato.

Chiaro che non credevo fosse tutto un roseto e senza spine (a meno che non ci si trovi nell'Eden, allora...) però soltanto ora, dopo esserci restata una settimana, cambiando almeno tre reparti e gironzolando un po' per mio conto nella struttura,  posso dire:

- che "vedo con altri occhi" quelle recensioni negative (che in parte comprendo, ma non quando arrivano da chi ci lavora: sputare nel piatto dove si mangia è una brutta cosa, o no?!). Si, qualcuno è davvero sgarbato, ma mica lo sono tutti. Anzi, la mia esperienza mi suggerisce che la percentuale è bassa;

-  che tutto il mondo è paese (perciò confermo che l'efficienza -e altro- non dipende dalla posizione geografica ma dal grado di sensibilità delle persone). Quando non s'inquina il lavoro portandosi dietro i problemi della vita (che ognuno di noi ha), allora l'efficienza, il garbo e la professionalità sono assicurati.

- che SONO LE GRANDI PERSONE a fare belli e funzionali i luoghi e stando lì in quella settimana, devo dire che per la gran parte ho incontrato belle persone tra medici e infermiere.

Resta il fatto che se fossimo tutti delle grandi persone, il mondo sarebbe un posto di gran lunga migliore!
Insomma, secondo la mia esperienza, il San Jacopo è una struttura ospedaliera d'eccellenza per Pistoia (checché si provi sfiducia nei confronti dei piccoli centri).

il San Jacopo "dentro e fuori" (fotomontaggio mio ovviamente!)
Ma ora veniamo al dunque: questo post non è volto alla descrizione del nuovo ospedale che pure meriterebbe, è invece volto a descrivere la mia esperienza come utente che ha potuto usufruire del trattamento cryo ablativo.

Tantissime sono state le domande che mi sono state poste riguardo al trattamento, e anche se ho già postato le più frequenti corredate di relativa risposta (pur se stringata), voglio ora entrare nel dettaglio personale perché comprendo bene che le sole descrizioni tecniche  non aiutano a farsi una vera idea di come sarà "quando toccherà a me farlo".

A dirla tutta, a me non è stato per  niente d'aiuto neanche il fatto che gli oncologi di Roma e Latina non abbiano saputo darmi indicazioni, quando ho chiesto loro lumi riguardo a questo metodo innovativo, non invasivo come lo sono invece l'intervento chirurgico, la chemio e la radio terapie.

Oh, parlo per me ovviamente, perché prima di questo contatto a Pistoia ERO seguita dall'oncologia di Roma e da quella di Latina. Entrambe mi avevano proposto o chemio o radio terapia (nada mas!)  e ciò dopo che il chirurgo (lo stesso che nel 2005 al Forlanini di Roma era intervenuto sul mio polmone) aveva ora definito questa "nuova" massa una cascata neoplastica impossibile da operare e mi aveva quindi rimandata in oncologia per essere sottoposta alla FNAB (agobiopsia).

Ebbene non immaginate che sospiro di sollievo quando ho sentito la parola "inoperabile"!!
Lui aveva usato un tono davvero greve mentre me lo comunicava, e pure con fare brusco, ma io non mi sono lasciata spaventare da questo e anzi, dentro di me davvero ne gioivo.

Eh cari miei, c'è poco da ridere o da meravigliarsi! Se avete letto il post "meglio andare dal dottore"  allora sì che potete capire veramente quel senso di gioia (non esagero) che ho provato in quel momento.

Comunque ho da dire un'altra cosa a proposito di questa visita: ho scoperto solo dopo -durante i saluti- che era a pagamento. Ooopppsss. L'appuntamento non lo avevo preso io ma l'oncologo di Latina per me, e comunque neanche lui lo sapeva (come dire? si trattava di una visita a pagamento ma nostra insaputa, ecco!). E però devo pure precisare che poi non l'ho neanche pagato, eh?! non fosse altro perché 1) non lo sapevo/non ero preparata, 2) avevo giusto 10  euros in tasca, 3) il chirurgo infine ci è passato sopra (un po' seccato ma ci è passato sopra: forse si era ricordato che lo avevo già contattato due anni prima e che non mi aveva risposto... e invece ora mi diceva: "ah ormai non posso fare più niente. Potevi passare prima da me! qualcosa avrei potuto farla, ma ora è troppo tardi").

Troppo tardi?! Mah!
Ed è da qui è ri-cominciata la mia ricerca per trovare un altro metodo interventistico che fosse rapido, indolore e riconosciuto dalla medicina ufficiale. Non volevo di nuovo ripetere il ciclo biopsia-chemio-radio (e magari pure un po' di tv, no?!)
Continuavo a ripetermi che alle soglie del terzo millennio, dopo che siamo stati sulla Luna e su Marte non era possibile che non mi si proponesse un'alternativa "futuristica".

Mannaggia la paletta (dico io), la tecnologia ha fatto passi da gigante, giusto?! embeh ma tiratela fuori anche per le cure mediche, no?! E che capperetti!!
E quindi mi sono messa a spipolare in rete mirando la mia ricerca verso i nuovi metodi israeliani.
Perché proprio quelli israeliani? Semplicemente perché Israele alla salute della sua popolazione ci tiene davvero (per ovvie ragioni), e inoltre sono svelti: non ci mettono decenni per mettere a punto una nuova scoperta, o un metodo innovativo (...) e questo vale per qualsiasi cosa, anche per quanto riguarda la vita privata del singolo cittadino. Sono fatti così. E visto come funziona da noi, direi che sono fatti molto bene!
Dunque mi sono imbattuta in un sito web dove si dava notizia delle ultime innovazioni e inoltre, Rahel, una cara amica, nel frattempo mi inviava il link dello stesso sito web che avevo trovato io ma in inglese (coincidenza? se se, ormai sapete come la penso sulle coincidenze... quella era la strada che dovevo percorrere. punto).
E così, imitando la solerzia degli israeliani, in men che non si dica ho trovato, scelto e contattato la struttura italiana (il San Jacopo per l'appunto) dove viene praticato il trattamento che avevo deciso di voler fare.
(ricordatevi che la scelta finale è sempre la vostra, e che già dal 2005 non si è più pazienti)

In realtà le regioni in Italia che praticano la cryo ablazione anche per il cancro polmonare sono due:
- la Toscana, con il dottor Luca Carmignani all'ospedale San Jacopo di Pistoia;
- la Sardegna, con il dottor Claudio Pusceddu all'Ospedale Oncologico A. Businco di Cagliari.

Per motivi di distanza chilometrica -e simpatia viscerale- ho scelto la Toscana e quindi sono entrata in contatto direttamente con il dottor Carmignani che, disponibile e affabile come pochi, nel tempo di neanche un mese ha

- preso in carico la mia richiesta,
- visionato gli ultimi esami diagnostici che gli avevo inviato via email,
- letto il sunto delle mie cartelle cliniche,
- valutata la possibilità di poter intervenire sia con la termo e sia con la cryo ablazione,
- fatto il consulto con lo staff oncologico del S. Jacopo,
- programmato il giorno del trattamento.
 Come ripeto, il tutto in neanche un mese.

Naturalmente il Carmignani mi invitava a informare gli oncologi che mi seguivano e quindi mi dava i suoi recapiti telefonici affinché potessero contattarlo personalmente (ad oggi nessuno di loro due lo ha ancora fatto -ed è trascoro un mese buono di già!- ma  almeno per l'oncologo di Latina ci  voglio ancora sperare che lo contatti prima o poi... Per quella di Roma invece ho perso ogni speranza, che ora neanche mi parla più! Eppure l'ho contattata fino all'ultimo e anche subito dopo il trattamento. "Mi faccia sapere" mi disse. L'ho fatto ma le uniche parole che mi ha scritto sono state "sono molto contenta". punto)

Tuttavia, sorpresa delle sorprese, è stato il mio medico curante che gli ha telefonato e io (lo ammetto!) ne sono stata molto felice. Lei ha seguito fin dall'inizio questo caso oncologico e cosa di non poco conto, si è dimostrata una GRANDE PERSONA sia in questa circostanza sia nel corso degli anni in cui l'ho frequentata.
Posso dire che, con l'apertura mentale che la contraddistingue, anche nei confronti della medicina ufficiale (scienza in continua evoluzione) lei fa la differenza in questo mondo. In questo caso, la MorenaGiovanna ha fatto quello che avrebbero dovuto fare gli oncologi, considerato che è campo loro!

Forse per lei sarà pure stata una cosa "normale" ma per me ha fatto la differenza. Una grande differenza. Se non fosse accaduto, oggi non avrei un contatto medico Roma-Pistoia.
Dagli oncologi di Roma e Latina mi sono sentita "abbandonata" (diciamolo) in quanto oltre a non aver più comunicato con me e non contattato il Carmignani. E inoltre, non hanno neanche manifestato la curiosità di saperne di più, di sapere com'è andata/come mi sento, di confrontarsi con un collega che pratica altro metodo di trattamento... (beh, stenderei un velo pietoso, ma passo oltre).

Ora però ditemi: quanti di voi hanno il proprio medico curante che s'interessa al percorso della vostra salute così da vicino? (chiese "delfino curioso").


Oh dunque, nonostante si avvicinasse il giorno della partenza io continuavo a cercare notizie ulteriori fra le recensioni e i forum, perché come dicevo, oltre al lato tecnico mi sarebbe stato utile sapere di esperienze personali altrui, ma non ne ho trovate!! al massimo ho trovato domande: le stesse che mi proponevo io. Ah si, poi ho trovato anche un paio di risposte di qualche oncologo che però sconsigliava il trattamento per non si sa quali motivi relativi alla riuscita e agli effetti collaterali (cosa che non fanno quando si tratta di parlare di chemio... boh?! vabbeh ... passiamo oltre. Aho' e se continuo così tra poco mi ritrovo oltralpe!! aaaaahhhh si si si).
E così, tra ricerche quasi infruttuose sul web e tanti dialoghi con il paziente dott. Carmignani (paziente sì perché l'ho davvero tartassato di domande eh?!), il fatidico giorno è arrivato:

30/3/2016: Partenza per Pistoia. Arrivo all'ospedale S. Jacopo poco prima delle 14.00. Incontro il dott. Carmignani. Insieme arriviamo al reparto week surgery. Consegno le ultime analisi e  referti (il resto lo avevo inviato via email) e ci accordiamo sul ricovero per l'indomani mattina.
Avrei dovuto ricoverarmi nel pomeriggio stesso (così eravamo rimasti un paio di settimane prima), ma considerato che non dovevo fare altre analisi/visite si è potuto fare per l'indomani, venendo così incontro anche al desiderio del mio compagno di non pernottare da solo al B&B la prima sera e anzi, approfittarne per fare i turisti almeno mezza giornata. Non siamo mai stati a Pistoia prima d'ora.


vedi Pistoia e poi ... soffri di saudade! (città a dimensione umana)
31/3/2016: Alle 07.43 arrivo al S. Jacopo.  Dal centro città, una volta giunti alla stazione (circa un paio di km) si prende il bus-navetta (la linea H al costo di 0,90 cent per un  biglietto a/r) e si arriva in pochi minuti direttamente davanti l'entrata principale dell'ospedale (dalla stazione dista un paio di km).
In men che non si dica ho fatto la visita anestesiologica (anche se non avrei fatto l'anestesia totale perché la cryo non la richiede) e una visita medica generale, poi mi hanno riportata al week surgery e li ho atteso fino alle 13.30 circa.
Giù in radiologia mi aspetta il dott.Carmignani per il trattamento.Nel frattempo mi era scoppiato un gran mal di testa (ci soffro), ma talmente forte che stavolta mi venivano i conati di vomito. Preoccupante per me, ma non troppo per loro: daje! ... flebo di tachipirina e dopo poco il mal di testa sparisce (sarà che non la prendo mai ma ha funzionato!!), subito dopo in flebo due antibiotici pre-cryo e sono pronta per cominciare. La sala dove è situata la TAC aperta è stata preparata. Ci entro completamente sveglia, cosciente, consapevole... e senza mal di testa!
Non ho paura nonostante la vista della strumentazione medica proprio nella direzione in cui ero girata (stavo sdraiata sul fianco destr... avanti march!!)

Si comincia con le raccomandazioni di restare immobile, e dunque con il centraggio. Si fissano le coordinate con degli aghi che poi ospiteranno le criosonde (il dolore può essere simile a quello prodotto dall'agopuntura).
Entro ed esco dalla tac aperta durante questa fase, in modo da essere certi fino all'ultimo della centratura dei punti dove inserire i tre cryo aghi. Il dolore è sopportabile. Poi comincia il trattamento (durante il quale invece, non pativo alcun dolore): per due volte viene congelata e scongelata la massa.
Finito il trattamento, un cerotto sui buchetti e via. Una lastrina di controllo, e poi mi riportano in camera.
Sono scesa in radiologia alle 13.30 sono tornata in camera alle 16.30 ma il trattamento in sé non è durato così a lungo, come vi ho spiegato. In questo lasso di tempo abbiamo fatto un sacco di cose, compresa una chiacchierata!
Sapevo che questo trattamento avrebbe potuto causare un pneumotorace, così come d'altronde avrebbe potuto causarlo la FNAB (agobiopsia), e devo dire che su tre aghi uno solo, in uscita (quindi a fine trattamento), ne ha causato un piccolissimo che si è riassorbito da solo dopo tre/quattro giorni (invece di due come avrebbe dovuto), ma solo perché invece di starmene a riposo e senza fare sforzi, ero in piedi già qualche ora dopo il trattamento (sconsiderata!!).

ecco la foto-prova!! pizzicata in flagrante the day after, mentre apro la pesante porta del bagno, e questo dopo aver fatto una passeggiatina nel corridoio del Setting B!! Lo so, sono incorregibile, e per queste prodezze ho pagato anche con un paio di giorni di febbre, ma il fatto è che al momento mi sentivo bene, e così ho gironzolato. Sbagliato! dovevo starmene più tempo a riposo e senza fare sforzi.

E certo che tra la FNAB (solo prelievo) e la cryo (ablazione), con lo stesso rischio da correre, ho preferito sottopormi alla seconda.
Seduta stante avrei potuto pure farla fare lo stesso la biopsia (prima ancora di cominciare il trattamento), ma alla fin fine ho scelto di non farla perché comunque il rischio di spargere cellule in giro c'è (checché se ne dica che sia solo una leggenda metropolitana, il rischio esiste. Sarà pure basso, ma c'è. E allora, ho pensato, chissenefrega della biopsia!).

Orbene, la massa di circa oltre 5 cm è stata come sepolta in un bozzolo. Quindi ora si attende la cicatrizzazione e la diminuzione della stessa. In sostanza, man mano che il tempo passa la massa si... come dire... (ma sì, lo dico alla romana:) "se rinseccolisce" (ecco!) non essendo più viva.
Dunque, per rispondere one more time alla domanda:
- ma poi una volta uccisa la massa tumorale si aspira e si porta via?
 no, non si porta via nulla, se ne va da sola col passar del tempo.

Ci sono infatti tre fasi di questo trattamento cercherò di spiegarvi spiegarvi al meglio, ma credo proprio mi farò aiutare dall'immagine che ha pubblicato il dott. Claudio Pusceddu sul suo sito.


nella prima immagine,  la macchia in alto a sinistra (prima della crio) misura cm 3x2;

nella seconda immagine (un mese dopo) si vede il "bozzolo" ingrandito che misura cm 4x3 in quanto è stata congelata e scongelata anche una piccola parte intorno alla lesione (proprio come si fa in chirurgia quando si taglia un pezzo);

nella terza immagine (4 mesi dopo), già si vede la diminuzione della ormai ex massa tumorale.


Nel mio caso la lesione (pre-cryo) era arrivata a cm 5,5  x  cm 4,5  x  cm 2,8 e lo voglio segnalare in questo post, perché devo ricordarvi che codesto trattamento è possibile farlo anche se la lesione fosse di cm 10.

C'è comunque da precisare che più grande è la lesione, maggiori sono le possibilità che il trattamento non riesca bene al primo colpo, ma niente paura: il trattamento può essere ripetuto!

Dunque, la mia esperienza con la cryo al San Jacopo di Pistoia è stata positiva, e inoltre devo confidarvi che sono stata proprio contenta di aver conosciuto una bella persona, disponibile, paziente, simpatica, solare, garbata, solerte e, cosa di non poco conto, un dottore a dimensione umana! Aho' mica poco eh?!
La comunicazione non è mai mancata fin dal primo contatto, e altrettanto è stato per le mie continue richieste di informazioni sempre soddisfatte, e non per ultimo, so di poter contare sulla sua presenza anche oggi che son tornata a casa (eh si che siamo a 300 km di distanza!).
Chiaramente (come ho avuto modo di appurare in quella settimana) non tutti la pensano come me (anche) nei confronti del Carmignani, solo che si tratta di quei pochi che (dicevo) "sputano nel piatto dove mangiano" e trovano difetti in chiunque e ovunque, tranne che nel proprio modo di fare e di essere! quindi non posso tenere in considerazione la loro opinione, specialmente per il dove e il come mi è stata propinata. Sensibilità zero!

Come ho già detto, il grado di sensibilità delle persone conta molto affinché la professionalità non scemi. E se poi s'inquina il lavoro che si sta svolgendo portandosi dietro i problemi della vita quotidiana (che ognuno di noi ha) allora stiamo freschi! Si diventa pure sgarbati...

Ecco, per me questa foto parla da sola: è stata scattata il giorno della mia dimissione. Avrei potuto tagliarla un po' magari per renderla più "seria"... ma poi perché? che ti vuoi tagliare? mi sono detta.
E' una posa talmente spontanea! ed è stupenda così com'è in quanto esprime al meglio la vera natura di questa bella persona che contribuisce a fare del mondo un posto migliore (sicuramente meno doloroso) sia con la pratica di un trattamento innovativo come questo (
donando una speranza in più, che non è da tutti a parer mio, eh?!) e sia con la giovialità che lo contraddistingue (idem... che non è da tutti).

In conclusione:
Ad oggi, e desidero dirlo non solo per darvi al completo notizie della mia esperienza personale, ma anche per dichiararlo pubblicamente:
"e son di molto hontenta di essere andata dal Harmignani a fare il trattamento"    ^_^


contatti: Il dott. Carmignani, referente aziendale per la radiologia e oncologia interventistica, è reperibile presso l'Ospedale San Jacopo di Pistoia (via delle Ciliegiole) - Tel. 0573.351840 - Cell. 349.3914458 - email: luca.carmignani1@tin.it

24 commenti:

  1. Cara sorellaluna, grazie per questo post che mi ha dato una speranza per la sorte di mio marito (anche a lui è stato detto "tumore inoperabile" e la medicina sperimentale che gli hanno somministrato lo ha fatto stare malissimo). Non conoscevo questo trattamento e neanche le persone con le quali poi ne ho parlato. Devo dire che sono stata fortunata perché questo post l'ho trovato per caso...
    Leggevo che avevi inviato via email gli esami diagnostici (ti riferisci alla tac immagino), ma come hai fatto? Potresti spiegarmelo con parole semplici per favore? Non sono tanto brava con il computer.
    Ti ringrazio ancora e ti invio tante benedizioni.
    Rossana P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Rossana, di nulla, davvero! Diffondere informazioni utili è una delle mie prerogative nella vita, e dunque non può che farmi piacere sapere che questo post ti sia stato d'aiuto.
      Ma ora veniamo al dunque...
      Ti spiegherò (passo passo) come fare per inviare le immagini:
      - sul desktop preparati una cartella compressa (click con il tasto destro del mouse -> scegli "nuovo"-> scegli "cartella compressa")
      - metti il cd della tac nel lettore del pc (se parte in automatico, lascialo fare finché non finisce di caricare tutte le immagini, quando ha finito chiudi la schermata e...
      - vai a "risorse del computer" e click col tasto destro su lettore (D) ->scegli "copia"
      - torna alla cartella compressa sul desktop e sempre con il tasto destro del mouse click e scegli "incolla"
      ora la cartella da inviare è pronta! (se ti vuoi accertare che il copia e incolla sia andato a buon fine non dovrai fare altro che cliccare col tasto destro sulla cartella compressa e scegliere "esplora")
      A questo punto ti servirà un programma (che però NON dovrai installare sul pc).
      Cerca con google "we transfer"
      Metti l'indirizzo email del destinatario, il tuo indirizzo e allega il file da inviare (che sarà la cartella compressa).
      Quando poi il file verrà aperto dal destinatario, ti arriverà una email di conferma. Fine.
      Buona vita e benedizioni anche a te!

      Elimina
  2. Ciao sorellaluna, volevo farti sapere che ho già fatto una prova (ho seguito i tuoi suggerimenti e ho spedito alla email di mia figlia). E' andato tutto liscio!
    Ora però devo preparare una relazione un po' più accurata di quella che mi ha scritto l'oncologo (ci voglio mettere più informazioni), e poi gliela invio insieme alla tac. Appena sarò pronta lo contatto e se mi da l'ok gli spedisco tutto immediatamente.
    Grazie per il tuo prezioso aiuto.
    Ti farò sapere.
    Buona vita anche a te.
    Rossana P.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava! fai bene a preparare tu stessa una relazione più completa e dettagliata, in quanto al dottor Carmignani questo renderà più agevole la consulenza e la valutazione del caso.
      Un caro saluto

      Elimina
  3. Ho contattato il prof. Carmignani questa mattina, ma volevo capire una cosa.
    La crioablazione è al posto della chemio o si fa contemporaneamente?

    RispondiElimina
  4. Ciao Alessandra.
    Uno dei criteri per cui si ritiene applicabile questo trattamento (oltre a non poter essere effettuato l'intervento chirurgico, come nel mio caso) è la NON risposta alla chemio, quindi direi che la cryo può considerarsi una cura a sé (non "al posto della chemio" e non "contemporaneamente alla chemio"). E' un trattamento anticancro di per sé. Questo è quanto ho recepito anche da quelle poche notizie trovate in web, tuttavia, chi meglio del dottor Carmignani può darti una risposta accurata?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazieeeee della tua testimonianza così dettagliata...mi hai acceso una speranza per mio padre con un tumore al polmone di 3 cm...lo stanno trattando con radio e chemio... ..l unico dubbio che ho...se anche con le metastasi si può fare la crioablazione?grazie fabiana 79.

      Elimina
    2. Ciao Fabiana, sono contenta di sapere che hai trovato illuminante la mia esperienza che ho percepito doveroso dover raccontare, considerato che quando ho cercato io stessa notizie non ne ho trovato (frustrante direi!)
      Ok detto ciò posso dirti solo di contattare il dottor Carmignani (oppure il dottor Pusceddu, se vivi in Sardegna), per sapere se il trattamento è applicabile al caso di tuo padre (incrocio le dita per te e per lui). Da quanto ne so io so che può essere applicato anche alle cosìddette metastasi ma il mio è un parere personale. Troverai risposte migliori e più da chi pratica il trattamento. Se ti urge una risposta ai tuoi dubbi posso consigliarti di contattarlo usando la email considerato che in questi giorni il dottore non è in sede ma in viaggio di lavoro.
      ti auguro una buona vita

      Elimina
    3. Oggi stesso contattero'via email il dottor Carmignani spedendo tutta la documentazione. ..dal momento che sono di Roma è la scelta migliore...Pistoia sono 3 ore di macchina.ti auguro di cuore anche a te una vita meravigliosa. Grazie fabiana.

      Elimina
    4. Ah certo, senz'altro la scelta migliore. Eppoi la Toscana (oh maremma) l'è troppo simpatica!
      Comunque, se posso, ti suggerirei di riassumere la cartella clinica con i punti più salienti in modo che il dottore possa avere nell'immediato un quadro della situazione. Poi si fa sempre in tempo ad inviare quanto ti richiederà.
      e per tutto il resto: fingers crossed!!

      un caro saluto

      Elimina
  5. Ciao,mi fa piacere leggere che esistono cure alternative per combattere i tumori.....vorrei sapere se questo trattamento e' a pagamento o no?
    Grazie

    RispondiElimina
  6. Buonasera,vorrei sapere se il trattamento e' a pagamento o tramite assistenza sanitaria nazionale.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno a te Anonimo!
      Si, il trattamento è in convenzione con il SSN.

      Elimina
  7. Buongiorno, ho letto con grande interesse, fra l'altro sono di Firenze e mi stavo documentando quando ho trovato il tuo blog. Vedo che sono passati diversi mesi da quando hai fatto l'intervento. Come va adesso? spero bene!!! la massa congelata è scomparsa? Provo a mettermi in contatto anch'io con il Dottor Carmignani, speriamo bene. Tanti auguri per la tua salute. Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lisa, ho fatto da poco un controllo e già so che a breve farò un altro trattamento. Questa volta non riguarda la parte già trattata ma qualche quisquiglia posizionata nella pleura. Devo ancora vedere il responso dell'ultima tac ma non credo sia sparita del tutto la parte già trattata considerato che era un 5x5 ed era stata definita "una cascata neoplastica". Comunque, tutto sommato mi sento abbastanza bene. La qualità di vita è buona. Ultimamente un po' di tosse e dolore toracico ma era dovuto a queste quisquiglie nella pleura (ora lo so).
      [non c'è dubbio che dovrò provvedere a qualche cambiamento necessario nella mia vita... mo qua e mo la sto cancro ciccia sempre fuori!]
      Grazie per gli auguri Lisa, e anche io te ne faccio tanti tanti.
      Aggiorniamoci però, anche perché le nostre esperienze oltre ad essere utili a noi stesse, possono sempre risultare utili a qualcun altro che legge spipolando in giro in giro.
      Un abbraccio di Luce
      Enza

      Elimina
  8. Cara Enza, sono felice di sapere che ti senti abbastanza bene e sono daccordo con te che la condivisone di esperienze dirette e ben riferite sono utilissime. Il racconto della tua esperienza ha davvero illuminato il mio cuore e acceso una speranza. Ho mia mamma con K al polmone, martedì vediamo il Dottor Carmignani. Speriamo bene. Un abbraccio grande. Lisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hola Lisa, detto fatto eh!?! Buono!!
      Una domanda da "delfino curioso": tua mamma aveva già provato altro per cacciare via questo Ka polmonare oppure la tua ricerca si è subito rivolta a qualcosa di diverso dal solito protocollo?
      Un caro saluto e in bocca alla lupa per tutto(e siccome che di solito la lupa porta i cuccioli in bocca per metterli al sicuro nella tana ;)non facciamola crepare eh eh eh)
      Un abbraccio di Luce

      Elimina
    2. Cara Enza,
      se possibile potrebbe dirmi in quale modalità ha contattato il Dott. Luca Carmignani per valutare il suo caso?

      Grazie infinite,
      Cinzia

      Elimina
    3. Cara Cinzia, ho contattato Doc Carmignani prima per telefono, quindi ci siamo accordati su come fargli pervenire la mia documentazione, e atteso il consulto con il gruppo multidisciplinare, mi ha infine dato appuntamento.
      Le alternative di contatto sono due:
      1) telefonare
      2) inviare email
      ovviamente per recapitare la documentazione sceglierai come consegnarla (se via web o personalmente o tramite PT).
      Un caro saluto

      Elimina
    4. ps: i contatti sono inseriti a fine post

      Elimina
  9. non capita spesso di ringraziare una sconosciuta, ma io devo proprio farlo: ho letto il tuo blog a maggio 2016 quando, dopo un breve ricovero, di mio marito, per approfondire le cause di una insufficienza renale la diagnosi è stata di insufficienza renale cronica aggravata dalla presenza di una recidiva tumorale (mio marito era stato operato sei anni prima al rene con una asportazione parziale.
    Quindi occorreva eliminare questo nodulo di circa 3 cm. cercando di salvaguardare il più possibile la funzionalità renale.
    Con lo spettro della dialisi sulla testa mi sono messa a cercare una soluzione e... navigando in internet - cercavo "intervento poco invasivo rene" tra le varie pagine mi è apparso il tuo blog!
    Grazie a questo abbiamo preso contatti con il Dott. Carmignani e abbiamo fatto un primo intervento a luglio e uno a fine ottobre per togliere anche l'ultimo "pezzettino" di soli 5 mm di quella maledetta recidiva.
    All'ultimo controllo, prima di Natale finalmente le parole che aspettavamo da tempo "area trattata completamente necrotizzata".
    Ovviamente l'insufficienza renale resta ma, data la scarsa invasività dei trattamenti, per il momento è tenuta sotto controllo da una dieta e dai farmaci, ovviamente i controlli saranno da ripetere a brevi intervalli di tempo, invece di lasciar passare 10/12 mesi come fatto negli ultimi 3 anni, ma per il momento, insieme allo spettro di un intervento più invasivo, si è allontanato anche quello della dialisi. Perciò grazie grazie... infinitamente grazie.
    Colgo l'occasione poi per spendere due parole sulla professionalità, la gentilezza e l'umanità del Dott. Carmignani a cui va tutta la nostra gratitudine.
    E per dirla con te ""e siam di molto hontenti di essere andati dal Harmignani a fare il trattamento"
    Un abbraccio Mila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh maremma bbona Mila, ma son di molto hontenta sai? ^_^
      La tua energia felice mi è arrivata come un gradito dono di Natale, yesss!
      Grazie a te per i complimenti al blog e per avermi fatto sapere che ti è stato utile (anche questo è arrivato come un gradito dono).
      Ora devo essere io a ringraziare te perché il tuo messaggio è arrivato in un giorno particolare, un giorno in cui ho fatto la mia ennesima scelta, e quando ho letto le tue parole ho saputo che è stata la scelta giusta (ascolto i messaggi che mi arrivano dall'universo tramite... te, in questo caso specifico).
      Ti invio (anzi vi) i miei sinceri auguri di buona fine d'anno (ci sta, ci sta) e per uno sfavillante 2017
      Un abbraccio di Luce

      Elimina
  10. salve a tutti,io ho un angiosarcoma del mediastiano non operabile con meta al polmone di dx,fatta chemio e stata malissimo,non posso fare la radio perchè ho un embolia polmonare,qui di mi fanno proposto altra chemio se no moriró....vivo a varese ma sono seguita anche a milano,è possibile fare questo trattamento anche per me??? graziea chi risponderà...ho solo 51 anni....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gabriella, nessuno di noi può rispondere alla tua domanda se non il dottor Carmignani. Ti suggerirei di contattarlo (o via email o via telefono, entrambi i contatti sono in fondo al post)e di spiegargli la tua condizione.
      E ti suggerirei anche di non pensare che "morirai" ma al contrario di pensare positivo e di certo farai un favore al tuo corpo!
      (Al posto della chemio hai provato a chiedere se sei candidabile alla immunoterapia?)
      Ti auguro una buona positività mentale, una buona scelta, un buon 2017.

      Elimina